domenica 5 agosto 2007

Poesia

"Non si diventa vecchi,
perchè ci è piovuto
addosso
un certo numero di anni:
si diventa vecchi
perchè si sono
abbandonati i proprio
ideali.
Gli anni solcano la pelle;
rinunciare al proprio
ideale, solca l'anima.
Le preoccupazioni,
i dolori, i rimorsi e la
disperazione
sono nemici che,
lentamente, ci piegano
verso terra
e ci fanno diventare
polvere prima della morte.
Giovane è colui che è
capace di stupore e
meraviglia.
Come è bambino
insaziabile
egli si domanda: -E poi?-.
Egli sfida gli avvenimenti
e trova gioia nel gioco della vita.
-Voi siete giovani, quanto
lo è la vostra fede-
-Vecchi come il vostro
dubbio-
Giovani come la fiducia
in voi stessi.
Giovani come le
speranze.
Vecchi quanto il vostro
abbattimento.
Rimarrete giovani
finchè vi conserverete
ricettivi.
Ricettivi e ciò che è bello
buono e grande
Ricettivi ai messaggi
della natura,
dell'uomo, dell'infinito."
Generale Douglas A. MacArthur

4 commenti:

marisa ha detto...

Molto bella e toccante la poesia.Ciao e buona domenica.
P.S. : hai ricevuto il mio messaggio ?

marinella ha detto...

Che bella poesia, e molto vera.
ciao.

aless.erre ha detto...

dOPO AVERTI CONOSCUTA TI POSSO DIRE CON FERMEZZA CHE A TE L'ETA' TI FA UN BALLO, E HAI UN ENERGIA FENOMENALE.

teodo ha detto...

Bella anzi bellissima adesso me la stampo.
ciao ciao